... 60^ Carnevale di Castrovillari dal3 al 13 Febbraio 2018........."La vetrina piu bella del Carnevale" regolamento nella sezione 'speciale Carnevale'......... Visita la nostra nuova pagina "Le nostre iniziative"............ Cerchiamo persone che vogliono collaborare con questo blog - scriveteci: andreafalcone2007@gmail.com oppure rtotommaso@hotmail.it *******

Detti in dialetto castrovillarese


  1. Surcu accummogghie surcu e l'urtimu cu accummogghie accummogghie.
  2. Cu carna e baccalà semp'i mani t'aja guntà
  3. Fatt'u nomu e mindite a dorme
  4. A fatica da festa trase da porta e jessi da fenestra
  5. Tri boti  'nta n'annu: a Natalu, a Pasca e a Capudannu.
  6. Va add'u patutu e no add'u saputu.
  7. A lavà a cap'a lu ciucciu ci perdisi 'acqua e sapunu!
  8. Cu si 'mpavure non pate.
  9. Si bbù jinghie u ciddaru zappa e puta allu jnnaru.
  10. Mangia ca du tuiu mangise.
  11. Face cumu ti fanu ca non jè mai piccatu
  12. Ammar'a cu tene u poviru parintu ca si dissole e non fà nenti
  13. 'Ncasa i pizzenti non mancanu mai stozze.
  14. A robba du carrucchianu s'a friche u sciampagnunu.
  15. A fimmina onesta spogghie la mamma e la figghia veste
  16. U murtu tene sempi turtu
  17. Non ti 'ntricà,non ti 'mpiccià,non fa bene ca malu ti ni vene
  18. U 'ncarnà e lu scarnà su dui malanni.
  19. Si tutt'i guai si spannerunu allu solu si vedere cu ni tene cchiù assai.
  20. Chiove e malu timpu fà, ammar'a cu 'ncasa d'avuti stà.
  21. Faci  malu e pensece, faci bene e scordalu.
  22. L'ommu puntualu je patrunu da rrobba_i lati.
  23. Arburu ca non fa fruttu pigghialu e tagghalu.
  24. Tantu va a langedda all'acqua fin'a quan'non si ruppe.
  25. Si llu 'mprestà furere bunu , si 'mprestere pure 'a mugghiera.
  26. Chiaccheri e tabbaccher'i linnu a banca i Napuli non  ne 'mpigne.
  27. U veru galantomu dottu porte a misura sott'u cappottu.
  28. Si vu gabba u vicinu, curchite pristu  e gavuzate matina.
  29. Figghie fimmine e vutt'i vinu sbarattali quantu primu.
  30. Quannu u cantiniru jè sup'a porta u vino jè acitu.
  31. Alla Saracina mangiunu pipazzi a Castroviddari di fanu palazzi
  32. Allu mast'i musica venisi a fà a sirinata.
  33. Jnghie a panza e jnghiela i pagghia ca non ti done mai travagghiu.
  34. Quannu cinnè viv' u rre, quann'on cinnè cchiù viva Jesù.
  35. Cu st'a spiranza adavuti e non cucine a sira si va a curca murmurannu.
  36. Cu parle malu du bunu i vo chiavà nu trunu.
  37. Allu fussu ci zumpe e alla purchiacca ci attruppiche
  38. Bursa ca stai arritu fatti nanti c'u tavirnaru vo dinari e non vo canti
  39. Attacca u  ciucciu addù vo' u patrunu e lassa cas'u mangin'i cani.
  40. Jenneri e niputi quiddu ca fai jè pirdutu.
  41. A panza jè di piddicchia, cchiù ci ni mindisi e cchiù si stinnicchia.
  42. 'On tengu nu soldu pi mmu squagghià 'nta n'ucchiu.
  43. Chiacchere i manu e pirite i culu  fetunu quantu casu banuru.
  44. Quannu tenese turtu non aja ji alla curta ca ci appizzise 'u ristu e vai puru carceratu.
  45. Cu simmine spine non adda camminà scavuzu.
  46. Vene a morta putenta e forta ca spacchi i muri e jesse da porta.
  47. Donne spine longhe, canate spine i Cammarata.
  48. Cu addavuto u panu je murtu, cu addavuto u fucu je campatu.
  49. Facite a limosina a donnu Jannu ca su spicciate i soldi e su_crisciute l'anni.
  50. Amu fatta a chjsa ,ama fa puru u campanaru
  51. Tri fissi ci su allu munnu: cu s'mbriaca alla vutta soia, cu f'amura cu a mugghiera soia, e cu non cunze i fatti sui pi cunzà i fatti i lati.
  52. Cu nu gubbidisce a mamma e lu patru, gubbidisce u diavulu 'ncarnatu
  53. U mangemindu du culu je peggiu du terramotu
  54. 'Na vota l'annu non porte dannu, 'na vota u misu non porte spise, 'na vota u jurnu ti  caccie datturnu.
  55. Cicatu cu n'ucchiu, cicatu cu dui.
  56. Simmina quannu vu, ca a giugnu metese.
  57. Quannu spanne u solu u jurnu da cannalora tanta niva adda fa 'ncora.
  58. Rire u fissu cu a cammisa nova.
  59. Mera mera su tutti i na manera.
  60. Dopu a quarantina nu malu a matina.
  61. Tuttu u bene da fatica vene.
  62. Cu non sa fà non sa mancu cumanna!
  63. A mmerda cchiù a riminisi, cchiù puzze.
  64. Prima i dinti e dopu i parinti.
  65. S'è fattu u cuntu senza u tavernaru.
  66. Amicu cu tutti e fidilu cu nissuno.
  67. I guai d'a pignata i sa la cucchiara.
  68. Ammaru u ninnu ca va 'ntu grussu.
  69. A parlà jè arte liggera.
  70. Migghiu fissu ca sinnacu.
  71. Cu bedda vo parì pene e guai adda patì.
  72. Casa ninna fimmina lesta.
  73. A gaddina fa l'uvu e allu gaddu i vuscche u culu.
  74. S'a fatica fusse bbona a facerunu i cani.



Vulera jessi panu pi cu no mangi
acqua pi cu teni sita
vulera jessi timpu pi cu adda mori.

di Luigi Le Voci

3 commenti:

  1. Bella davvero grazie a tommaso per averla condivisa

    RispondiElimina
  2. Una bella raccolta di saggezza ed esperienza popolare, mi permetto di suggerirne altri due che sentivo spesso da una mia vicina quando abitavo a Castrovillari, li scrivo così come mi vengono, poi qualcuno esperto di dialetto Castrovillarese può scriverli al meglio:
    - Pi pani e pi lissia nun ti pigghià mai marmacia ;
    - A li valenti pene e trumenti , a li camatrie pisci arrustuti ;
    Saluti e grazie per questo sito che mi permette di rimanere aggiornato sulla vita
    di una cittadina dove ho vissuto un bel periodo della mia vita e dove ho ancora qualche amico.

    RispondiElimina
  3. Impara l'arte e mettila da parte un giorno ti servirà - Quando c'è la crisi chi si adegua risparmia due volte. I detti popololari rispecchiano le difficoltà affrontate da generazioni e sono sempre veri! Complimenti all'ideatore del blog molto interessante a non dimenticare il passato per adeguarsi a capire il futuro.

    RispondiElimina

Commenta questo articolo