... Visita la nostra nuova pagina "Le nostre iniziative"............ Cerchiamo persone che vogliono collaborare con questo blog - scriveteci: andreafalcone2007@gmail.com oppure rtotommaso@hotmail.it *******

mercoledì 12 luglio 2017

Pubblicato il secondo volume de "Le leggende popolari del Pollino"


E' in libreria il secondo volume de  "Le leggende popolari del Pollino" curato da Ines
Ferrante per Promoidea Pollino. Il libro contiene oltre ottanta nuove leggende
popolari del territorio sovrastato dalla catena del Pollino, raccolte, come dice l'editore
nella sua prefazione come all'interno di «un piccolo museo in cui l’autrice, oltre che
della documentazione, si avvale della sua creatività nel saper gestire con disinvoltura
una copiosa eredità di indizi[...]». Anche questo secondo volume si arricchisce al suo
interno di una serie di illustrazioni a firma di Anna Nigro, autrice anche
dell'immagine di copertina, con il lavoro grafico di Elmira Boosari. Ines Ferrante
racconta ancora una volta una terra ricca di storie leggendarie e di superstiziose
credenze, una terra di grotte e di castelli, di misteri e di segreti, dove anche il mare,
poco lontano, è memoria antica di saghe e di eroi e tenta di immortalare, anche
attraverso molti racconti orali, i paesaggi, gli angoli caratteristici, le ambientazioni e
gli scenari che fanno da sfondo alle storie raccolte che, rispondendo fantasiosamente
ai tanti perché di un popolo, celebrano fatti e personaggi che hanno fatto la storia di
quel popolo, spiegano eventi, rituali e regole di cui non si comprende il senso e
servono «a scacciare alcune paure ancestrali, a rallegrare i bambini, a trasformare una
persona in un eroe, a spiegare l’inspiegabile, a rendere più interessante un aspetto
noioso della realtà e a insegnarci a vivere in armonia tra di noi e con la natura che ci
circonda». L'autrice dedica questa seconda pubblicazione a tutti i lettori che hanno
letto avidamente e apprezzato la prima e afferma: «ogni leggenda è la memoria stessa
di un popolo, di una comunità ed è da preservare. Ecco perché le ho raccolte: per
custodirle, tutte assieme, in questo secondo volume»