... Visita la nostra nuova pagina "Le nostre iniziative"............ Cerchiamo persone che vogliono collaborare con questo blog - scriveteci: andreafalcone2007@gmail.com oppure rtotommaso@hotmail.it *******

lunedì 10 luglio 2017

Situazione sanità, le colpe del sindaco secondo le civiche

COMUNICATO STAMPA

IL SINDACO LO POLITO E’ COMPLICE DELLO SMANTELLAMENTO
DELL’OSPEDALE DI CASTROVILLARI E DELLA SANITA’ DEL TERRITORIO 

Con delibera n. 1227, del 30 giugno 2017, il Direttore Generale dell’ASP di Cosenza ha sancito lo
scippo: come le Liste Civiche di Solidarietà e Partecipazione avevano paventato e ampiamente
preannunciato -anche in Consiglio Comunale-, la Farmacia territoriale sarà trasferita da Castrovillari a
Lungro, con un costo per l’Ente di ben 170.000 euro. Nella nostra città rimarrà un semplice “punto di
distribuzione” allocato nell’ex Centro Trasfusionale, con una spesa ulteriore di altri 150.000 euro.
L’atto deliberativo giunge all’indomani della tanto celebrata “cerimonia di inaugurazione” -che ha visto
il sindaco Lo Polito e il Direttore Mauro festeggiare insieme il “lieto evento” di un nuovo modello di
Risonanza Magnetica, strumentazione, per altro, già da anni presente nel nostro Ospedale.
Avevamo sperato che quella cerimonia, anche se inutile e fuori luogo, fosse stata almeno l’occasione
perché il sindaco Lo Polito ribadisse, con la necessaria fermezza, quanto il Civico consesso, oltre che il
comune buon senso e le norme amministrative, richiedevano: il ritiro dell’illegittimo provvedimento di
spostamento di due Ortopedici da Castrovillari a Paola (Ortopedici assunti specificamente su
Castrovillari) e il ritiro della delibera che prevedeva lo spostamento della Farmacia territoriale da
Castrovillari a Lungro.
A che punto siamo? Gli Ortopedici restano a Paola, per cui l’ambulatorio pomeridiano rimane chiuso e
di reperibilità notturna nemmeno a parlarne, mentre, come dicevamo, con la delibera di cui sopra si
conferma il trasferimento della Farmacia territoriale da Castrovillari a Lungro. Davvero un bel
risultato!
A questo punto il sindaco dovrebbe attivarsi, come suo dovere e come previsto dalla Delibera di
Consiglio Comunale n.30 approvata all’unanimità fin dal 9 maggio scorso, per far partire la
mobilitazione che porti anche a iniziative clamorose nella sede stessa dell’ASP di Cosenza.
Staremo a vedere.
Non è chiaro quanto ci sia di inettitudine e quanto di dolo nell’operare del sindaco Lo Polito, certo è
che non è possibile continuare in questo modo a spianare la strada a chi progressivamente continua
nell’opera di demolizione del nostro ospedale e della sanità territoriale. La salute non può continuare
ad essere “merce di scambio” politico. Non abbiamo chiesto le dimissioni di Lo Polito per la vicenda
SPRAR-CAS, -trattata con la consueta incapacità e superficialità- ma forse è tempo, per lui, di
cominciare a farci un pensierino, magari con l’ “aiutino” di chi si riconosce sempre di meno in questa
sempre più sgangherata maggioranza.

Il Coordinamento Politico delle
Liste Civiche di “Solidarietà e Partecipazione”

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta questo articolo